A Tripoli inaugurato il complesso della tomba di Aelia Arisuth

A Tripoli inaugurato il complesso della tomba di Aelia Arisuth

  Ambasciatore Buccino Grimaldi ha aperto l’evento
20/03/2023 11:32
1679308386 A Tripoli inaugurato il complesso della tomba di Aelia Arisuth

Roma, 20 mar. (askanews) – L’Ambasciatore d’Italia in Libia, Giuseppe Buccino Grimaldi, ha aperto l’evento di inaugurazione della Tomba di Aelia Arisuth a Gargaresc in occasione del ripristino dell’ipogeo e del restauro dei dipinti murali.

Sono intervenuti il presidente del Dipartimento di Antichità della Libia (DoA), Mohamed Faraj Mohamed al Faloos e la Prof.ssa Luisa Musso, presidente della Fondazione MedA – Mediterraneo Antico e direttrice della missione archeologica.

Noto anche come “Tomba dei fedeli di Mitra”, il complesso costituisce uno dei monumenti più rappresentativi dell’antica Oea (nome antico di Tripoli), situata nell’oasi di Gargaresh.

Il suo recupero, frutto del lavoro congiunto tra archeologi italiani e libici, è stato possibile grazie al sostegno dell’Ambasciata italiana a Tripoli, al prezioso contributo del Prof. Bashir O. Galgham e al sostegno del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale e della Fondazione MedA.

L’evento si è svolto alla presenza di importanti esponenti del mondo politico e culturale del Paese, oltre che di esponenti della comunità internazionale, che hanno avuto modo di conoscere le diverse fasi dei lavori di restauro susseguitesi durante il corso degli anni, illustrate attraverso una mostra fotografica realizzata per l’occasione.

Una visita guidata ha poi consentito ai partecipanti di ammirare da vicino l’originaria bellezza del sito archeologico, riconsegnato al pubblico nel suo antico splendore.

L’evento rappresenta un importante traguardo che segna un ulteriore passo in avanti che l’Ambasciata d’Italia insieme ai suoi partner libici compie per rafforzare la cooperazione culturale tra i due Paesi.

“Il restauro di questo sito archeologico – ha dichiarato l’Ambasciatore Giuseppe Buccino Grimaldi – rappresenta una concreta testimonianza degli sforzi italiani per la salvaguardia e la valorizzazione del patrimonio comune del Mediterraneo, l’area del mondo che conta oggi il più alto numero di missioni archeologiche accreditate presso il Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale e attive anche nei più importanti siti della Libia”.