La Banca centrale Svizzera: assicurate "ingenti liquidità", arginata la crisi Credit Suisse - askanews.it
Esci

Elezioni, dalla Lombardia appello a Renzi-Calenda per Terzo Polo

Firmato da Gabriele Albertini e Guido Della Frera

AGO 7, 2022 -

Elezioni Roma, 7 ago. (askanews) – L’ex sindaco di Milano, il senatore Gabriele Albertini, il deputato Guido Della Frera e numerosi amministratori locali lombardi hanno firmato un appello per la costituzione del Terzo Polo, che partendo da un accordo tra Matteo Renzi e Carlo Calenda possa accogliere chi crede sia necessario realizzare l’agenda Draghi e non si riconosce nelle coalizioni di destra e di sinistra. “È il momento che questa campagna elettorale, ad oggi sempre più guidata delle ali estreme dei partiti politici, offra ai cittadini italiani coalizioni coerenti ai programmi presentati guidate da leader di provata esperienza e capacità – si legge nel testo dell’appello -. Basta con gli ammassi di sigle interessate solo a far perdere l’avversario! Gli italiani richiedono responsabilità e coerenza a tutti gli esponenti politici nelle proposte politiche e di governo senza forme ambigue di patti contraddittori, uniti solo dalla necessità di far perdere l’avversario. Gli italiani devono esprimere il proprio voto, sicuri di scegliere programmi chiari e contenuti di governo, non forme di alleanze solo tattiche che si sfalderanno subito dopo il voto per le loro contraddizioni”. “Per questo e per la difficile situazione economica del Paese – sostengono i firmatari – è necessaria la nascita di un Terzo Polo che, in maniera competente, autorevole e pragmatica, porti avanti il programma di risanamento impostato dal Governo Draghi”. “Il sen. Gabriele Albertini, già sindaco di Milano, l’on. Guido Della Frera, deputato e imprenditore, e decine di altri esponenti politici locali – concludono – esprimono da Milano e dalla Lombardia un accorato appello a Matteo Renzi, che fin dall’inizio ha creduto nel Terzo Polo, a Carlo Calenda e a tutte le forze che si riconoscono totalmente senza se e senza ma nell’agenda Draghi a trovare un accordo per costituire una singola lista elettorale!”.