La Banca centrale Svizzera: assicurate "ingenti liquidità", arginata la crisi Credit Suisse - askanews.it

Opposizione Sudcorea: Yoon sottomesso a Giappone, vergogna

Disgelo Seoul-Tokyo con vertice con il premier Kishida

MAR 16, 2023 -

Roma, 16 mar. (askanews) – Il principale partito di opposizione sudcoreano, il Partito Democratico, si è scagliato oggi contro il disgelo nelle relazioni con il Giappone, accusando il presidente Yoon Suk-yeol per essere uscito a mani vuote dal vertice con il primo ministro giapponese Fumio Kishida oggi a Tokyo, e definendo definendo i colloqui “il culmine della diplomazia sottomessa” e “una vergogna per il popolo” coreano. “Sebbene i leader della Corea del Sud e del Giappone si siano incontrati, il governo giapponese non si è scusato per la questione del lavoro forzato in tempo di guerra. Nonostante la posizione così spudorata del Giappone, Yoon ha piuttosto cercato di difendere la parte del Giappone”, ha detto il portavoce partito d’opposizione An Ho-young. Durante l’incontro al vertice tenutosi a Tokyo all’inizio della giornata, i due leader hanno concordato di risolvere una disputa di lunga data sul risarcimento per i coreani costretti a lavorare per le aziende giapponesi sotto il dominio coloniale giapponese della penisola coreana del 1910-45. Secondo il piano di Seoul annunciato la scorsa settimana, una fondazione pubblica affiliata al ministero dell’Interno risarcirà le vittime con donazioni da imprese nazionali, sebbene la Corte Suprema della Corea del Sud nel 2018 abbia ordinato a due società giapponesi, Nippon Steel e Mitsubishi Heavy Industries, di risarcire le vittime. “Yoon ha persino promesso di normalizzare completamente il patto bilaterale di condivisione dell’intelligence militare. Queste decisioni costituiscono un tributo oltre a una semplice concessione”, ha detto il portavoce, facendo riferimento alla tradizionale diplomazia asiatica basata sul principio. “È un altro disastro diplomatico, poiché non abbiamo nulla e abbiamo dato tutto. Suscita vergogna tra la nostra gente”. An anche sottolineato come nessuna azienda giapponese abbia promesso di partecipare al “futuro fondo” per i risarcimenti per le anziane vittime sopravvissute del lavoro forzato e Tokyo non si è scusata per le ritorsioni commerciali che ha imposto in risposta alla sentenza sul lavoro forzato.