Meloni riunisce il Governo a Cutro, stretta trafficanti e più flussi regolari

Discussione nella maggioranza, provvedimenti ancora da definire. Ma alla Camera Lega ripropone vecchi dl sicurezza

MAR 8, 2023 -

Roma, 8 mar. (askanews) – L’impronta che il governo vuole dare al suo approccio all’immigrazione, sta in un cambio lessicale: non più scafisti ma trafficanti, “la stessa parola usata da Papa Francesco”, si sottolinea. Giorgia Meloni riunisce domani il Consiglio dei ministri si riunisce a Cutro, la cittadina del drammatico naufragio in cui sono morte oltre settanta persone. Quanti e quali provvedimenti saranno messi all’ordine del giorno è ancora da definire, tanto che il pre consiglio – già previsto per oggi alle 16 – si terrà invece domani mattina. Segno che la discussione, anche all’interno delle forze di maggioranza, è ancora aperta. Ma da Fratelli d’Italia ci tengono a sottolineare che la strada non è quella di un ritorno ai decreti sicurezza di salviniana memoria. Esattamente il contrario di ciò che punta a fare la Lega che ha presentato una proposta di legge, che richiama il provvedimento del 2018, che proprio domani approda in commissione Affari costituzionali alla Camera e che prevede una stretta dei permessi per gli immigrati. “Ne discuteremo in Commissione e vedremo se Fdi li voterà o no”. Il pacchetto di norme che arriva in Consiglio dei ministri è ancora ‘work in progress’. E in queste ore ci sarebbe stato un confronto anche sul Quirinale per chiarire quali misure rispettano quei criteri di necessità e urgenza che possono essere inserite all’interno di un decreto. Definite, però, le direttive su cui la presidente dl Consiglio ha chiesto di muoversi. Da una parte è infatti prevista una stretta contro i trafficanti ed è possibile che venga inserita anche l’aggravante di procurata morte. Dall’altra, però, ci sarà anche un allargamento dell maglie per la concessione dei permessi di soggiorno ai migranti regolari attraverso uno snellimento e una semplificazione, che viene definita consistente e non di facciata, delle procedure per accedervi. Un punto, viene spiegato, sul quale si sta lavorando anche attraverso interlocuzioni con i Paesi di partenza. Tra le misure allo studio – ma non è ancora detto arriveranno al varo della riunione del governo – ci sono anche norme per rendere più efficaci le espulsioni tenendo presente la distinzione però tra Paesi a rischio e Paesi considerati sicuri e con cui l’Italia ha rapporti consolidati. Possibile anche un allargamento e una estensione temporale del decreto flussi, norme per un miglior funzionamento dei Cie e sui corridoi umanitari. Di come affrontare l’emergenza migranti, d’altra parte, Giorgia Meloni ha discusso anche nel corso del suo incontro con il premier olandese, Mark Rutte, al termine del quale dal governo si sottolinea come il bilaterale “sia andato molto bene, anche al di là delle aspettative”, tanto da essersi prolungato per oltre un’ora e mezza, facendo ‘saltare’ anche la plenaria con le delegazioni. Sebbene – come sottolineato dalla stessa presidente del Consiglio, “non sempre le posizioni dei due Paesi, nel rispetto dei reciproci interessi nazionali, sono esattamente le stesse”, sul dossier migranti Meloni spiega di aver riscontrato nel suo omologo “un approccio pragmatico e concreto”. La premier sottolinea “una visione comune sul fatto che la questione migratoria va affrontata, non parlando di flussi primari e secondari, ma partendo dalla difesa dei confini esterni e dalla lotta ai trafficanti, tema che per quanto riguarda l’Italia diviene ancor più rilevante all’indomani della tragedia di Cutro”. Peraltro, come annunciato dal capo del governo olandese, è possibile che si faccia “anche un viaggio insieme in Africa per cercare di raggiungere degli accordi” in materia di immigrazione.