La Banca centrale Svizzera: assicurate "ingenti liquidità", arginata la crisi Credit Suisse - askanews.it

Un anno dalla strage al Teatro di Mariupol, Zelensky: non perdoniamo

"C'era la scritta 'Bambini'. Impossibile non vederla"

MAR 16, 2023 -

Roma, 16 mar. (askanews) – Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha commemorato il primo anniversario dell’attentato al teatro Mariupol con un messaggio su Telegram. “Un anno fa, la Russia ha sganciato deliberatamente e brutalmente una potente bomba sul Teatro di Mariupol. Accanto all’edificio c’era la scritta ‘Bambini’, che era impossibile non vedere. Centinaia di persone si nascondevano lì dai bombardamenti”, ha spiegato il presidente. “Passo dopo passo, ci stiamo muovendo per garantire che lo stato terrorista sia pienamente tenuto a rendere conto di ciò che ha fatto al nostro paese e al nostro popolo. Non perdoneremo una sola vita rovinata dagli occupanti. Ricordiamo tutti coloro le cui vite sono state prese dal terrore russo”, ha aggiunto. Una settimana dopo l’incidente, le autorità ucraine hanno stimato il bilancio del bombardamento del teatro in almeno 300 morti. La cifra è stata annunciata sulla base dei resoconti dei testimoni. Le autorità russe hanno ripetutamente negato di aver preso di mira civili o infrastrutture civili in una guerra in cui le vittime civili nelle città risultano ad oggi in un numero elevatissimo. Coa/Int13