Etruscologia e medicina termale a Siena, Chianciano e San Casciano – askanews.it

Etruscologia e medicina termale a Siena, Chianciano e San Casciano

Tre giornate di formazione
Set 12, 2023

Roma, 12 set. (askanews) – L’archeologia incontra la medicina termale in tre giornate di formazione in programma dal 25 al 27 settembre 2023 a Siena, Chianciano Terme e San Casciano dei Bagni. Prendendo le mosse dalle recenti scoperte archeologiche avvenute nel territorio senese, nel quale attorno alle sorgenti di acqua termo-minerale si concentrano fin da epoca etrusca numerosi luoghi di culto che furono anche e soprattutto luoghi di cura e pratica medica, relatori italiani e internazionali presenteranno i dati scientifici provenienti da scavi archeologici relativi alla medicina termale antica. Nell’ambito delle tre giornate di incontro si svolgeranno i seminari: “Curarsi con le acque minerali. Luoghi, oggetti e testimonianze scritte nell’Italia romana” a cura di Maddalena Bassani, Università IUAV; “La scoperta dell’acqua fredda: la pratica medica presso le terme romane di Mezzomiglio a Chianciano Terme” di Marco Pacifici dell’Università per Stranieri di Siena; “Tra sacro e profano, tra cura e “salvezza”: gli ospedali nelle architetture termali dell’Italia centrale antica”, di Emanuele Mariotti, Università per Stranieri di Siena; “Corpi di bronzo: percezione e pratica della guarigione attraverso l’offerta in metallo nell’acqua calda” di Mattia Bischeri dell’Università per Stranieri di Siena.

Il dialogo tra archeologi, medici e professionisti attivi nell’ambito della medicina termale, che diviene un evento aperto al pubblico delle città e del territorio, costituisce un’esperienza unica nel suo genere, mai sperimentata prima d’oggi. Il ricco programma costituisce un viaggio formativo: a partire dal complesso museale dell’Antico Ospedale Santa Maria della Scala a Siena – a un tempo luogo della cultura e luogo di cura – che sorge su un’area caratterizzata nell’antichità dalla presenza anche di un impianto termale di epoca romana (che per la prima volta verrà aperto al pubblico durante l’evento), le giornate di formazione coniugheranno seminari svolti presso il Parco Acqua Santa di Chianciano Terme con la visita al sito archeologico termale romano di Mezzomiglio, attualmente oggetto di un progetto di ricerca, un intervento di fruizione e di una mostra fotografica dedicata finanziati dal Comune di Chianciano Terme, e si concluderanno con la visita agli scavi in corso in località Bagno Grande a San Casciano dei Bagni, dove sono state rinvenute le statue in bronzo e numerosi altri reperti oggi esposti nella mostra “Gli dei ritornano” allestita dal Ministero della Cultura a Roma presso il Palazzo del Quirinale. Il progetto scientifico è curato dall’Università per Stranieri di Siena e finanziato nell’ambito del progetto PNRR “THE – Tuscany Health Ecosystem” Spoke 5: Implementing innovation for healthcare and well-being”.  L’evento nasce in collaborazione con la Soprintendenza Archeologia, Belle arti e Paesaggio per le province di Siena, Grosseto e Arezzo, il Comune di Siena, la Fondazione Antico Ospedale Santa Maria della Scala, il Comune di Chianciano Terme e il Comune di San Casciano dei Bagni. Le giornate di formazione hanno anche ricevuto il supporto economico del Comune di Chianciano Terme, delle Terme di Chianciano, di Fonteverde Lifestyle and Thermal Retreat e di Ebiterme – Ente Bilaterale Nazionale Terme. L’evento ha il patrocinio di Federterme – Federazione Italiana delle Terme – e rientra nelle iniziative di Valdichiana 2026, candidatura a Capitale Italiana della Cultura.